• 1dieffe.jpg
  • 2fuori_orario.jpg
  • 3BancaDellaMarca.png
  • atp.png
  • CS_Facades.png
  • dinamika.jpg
  • Generali.png
  • Meteor.png
  • NordEstInformatica.png
  • quest_vett.jpg
  • RiverHook.png

JUSTIN DELA CRUZ: altezza 1.72, peso 75 Kg, ruolo play/guardia.

Ecco il nostro primo “stranger”! Justin è nato nelle Filippine ma è qui da noi praticamente da sempre. Dotato di una discreta tecnica soprattutto di tiro. Ma la sua peculiarità è l’uno contro uno che spesso da buoni frutti grazie anche alla sua potente struttura fisica. Justin fa parte anche della rosa della prima squadra.

Justin, parlaci un po’ di te…   

“Ho iniziato a giocare a basket alla P.G.S in quinta elementare e ho avuto come allenatori Max Maschio per un anno poi Carlo e Lele negli ultimi due anni.

A 13 anni sono passato alla Vigor Basket Conegliano e per tre anni l’allenatore fu Massimiliano Trabucco; quest’anno sono qui con gli Eagles, sotto la guida di Niccolò Possamai che già avevo avuto come assistente l’anno scorso". 

 

A domanda rispondi, cerca di essere il più possibile sincero!  

Soprannome?
Semplicemente Justin.

Che scuola fai?
Liceo Scientifico Marconi scienze applicate.

Nello sport per te cos’è importante?
Divertirsi, essere liberi di esprimere il proprio potenziale senza nessun blocco od obbligo, giocare senza limiti.

Qual è il compagno di squadra con il quale sei più legato?
Lorenzo Trevisan, diciamo perché è stato lui a farmi venire la voglia di iniziare, eravamo in classe insieme alle elementari e mi piaceva vederlo giocare, quindi mi sono iscritto e fino alla scorsa stagione eravamo sempre nella stessa squadra e mi dispiace non giocarci più assieme, ma so che rimarremmo grandi amici.

A che età hai cominciato a giocare?
Quinta elementare.

Quali sono i tuoi pregi?
Credo essere simpatico e pronto a dare una mano quando serve.

E i tuoi difetti?
Impaziente e timido.

Se vincessi dieci milioni di euro come li spenderesti?
In viaggi oppure videogame.

Che tipo di vacanze ti piacciono?
Mi piace viaggiare, mi piacciono le vacanze dove scopri e vivi usanze diverse e tradizioni diverse.

Come ti vesti di solito?
Come le persone della mia età.

Qual è stato il giorno più bello della tua vita?
Tanti ma se dovessi sceglierne uno allora il mio quinto compleanno.

E quello più brutto?
I primi giorni di scuola ogni anno…

Cosa farai da grande?
Non ci ho ancora pensato, ma vorrei lavorare in ambito scientifico.

Qual è la prima cosa che fai al mattino?
Apro Whatsapp.

E l’ultima di sera?
Chiudo Whatsapp.

Sei fidanzato? Se si chi è più gelosa lei o te?  Se no, vuoi fare un appello lasciando il tuo      numero?
Si sono fidanzato e la più gelosa è lei.

Una persona che stimi?
Massimiliano Trabucco, perché mi ha sempre aiutato e mi lasciava giocare la mia partita come sapevo fare io, nonostante tante cazzate all’inizio, è stato paziente con me e lo stimo molto.

Mediamente quanto tempo passi su internet?
5 ore.
 

Ritieni che internet sia uno strumento basilare per la nostra cultura?
Si.

Raccontaci di una tua figuraccia?
Non ricordo di averne fatte!

Hai piercing?
No.

Hai tatuaggi?
No.

Sei religioso?
Si.

Ultimo libro letto?
“La ladra di libri”.

Ultimo film visto?
“Baywatch”.

Le tre cose che guardi in una ragazza?
Carattere, occhi e corpo.


Qual è il tuo idolo nello sport?
Goran Dragic.

Che animale vorresti essere?
Serpente.

Dove vorresti vivere?
Islanda.

Sei più attaccante o difensore?
Attacante.

Qual è il tuo drink preferito?
Mojito.

E il piatto preferito?
Pizza.

Hai una cosa che ti disgusta?
I vermi.

Qual’è il tuo genere musicale?
Pop.

E la canzone preferita?
Tante canzoni, ma ultimamente Promise me no Promises.

Se potessi risolvere un grande problema che affligge l'umanità, quale sceglieresti?
L’isis.

Per cosa ti batteresti fino al rischio della vita?
Per la famiglia.

Il tuo programma tv preferito?
Guardo raramente la tv.

I tuoi interessi oltre al basket?
Calcio, league of legends e anime.

Dove vai quando esci?
Fuori da casa mia.

La tua frase preferita?
“Assomiglia al fiore innocente, ma sii il serpente sotto di esso”.

Hai qualche fobia?  
Non credo.

Quale risultato ti aspetti dal prossimo campionato?
Arrivare il più alto possibile in classifica.

Qual è il tuo numero preferito?
17 o 20.

E il tuo colore?
Viola o blu.

Cosa non faresti neanche per dieci milioni di euro?
Morire.

Che epoca storica ti affascina?
Contemporanea.

Tifi per qualche squadra in particolare (qualsiasi sport)?
Di solito non seguo squadre ma giocatori.

Sei felice?
Sisi.

Perché consiglieresti ad un bambino a giocare a basket?
Perché appena entri in campo ti dimentichi i problemi che hai, ti aiuta a sfogarti e liberare le emozioni che ti senti dentro. 

Grazie Justin, buon campionato!