• 1dieffe.jpg
  • 2fuori_orario.jpg
  • 3BancaDellaMarca.png
  • atp.png
  • CS_Facades.png
  • dinamika.jpg
  • Generali.png
  • Meteor.png
  • NordEstInformatica.png
  • quest_vett.jpg
  • RiverHook.png

MARCO CASAGRANDE: altezza 1.80, peso 72, ruolo Play.


Ecco un altro rinforzo per le nostre Aquile. Marco Casagrande classe ’98, una annata prolifera per la pallacanestro e non!

Anche Marco non vede l’ora di poter iniziare questa sua nuova avventura condivisa con lo studio universitario e, in doppio tesseramento, anche con la serie C della Vigor!

“Ho iniziato a giocare a basket alla giovane età di 3 anni, alla Vigor Basket - dice Marco - Quello che sicuramente mi ha avvicinato a questo sport è stato avere mio fratello che ci giocava già da diverso tempo, così ho deciso di imitarlo e i miei genitori mi hanno accontentato iscrivendomi.

La primissime istruttrici che ebbi furono Anna Carniel e Elisabetta Caporale. Rimasi alla Vigor basket fino all'età di 8 anni, dove per ragioni di vicinanza a casa andai a giocare alla PGS (polisportiva giovanile salesiane) in cui finii il minibasket con la Lucilla.


In seguito al minibasket iniziai le categorie giovani under 13 allenato da Maximilian Maschio e Gigi Sanson. Una volta finito il percorso alla PGS decisi di tornare in Vigor in cui ripresi le giovanili con l'under 14 allenato da Fuso (Alberto Fuser), e fu un anno eccezionale, perché diventai campione Provincile e Regionale.


 

L'anno dopo, con la stessa squadra, perdemmo la finale regionale del campionato under 15 elite. In under 18 sono stato allenato da Gianni Mazzero, e da Paolo Sfriso.

L'anno scorso ho deciso di provare una nuova esperienza giocando in una prima squadra in Promozione a Ponte della Priula con Vanni Lessi e in questo modo ho finito anche le giovanili under 20”.

Anche con te vogliamo giocare con questo breve questionario. Resta inteso che dovrai essere il più possibile veritiero!


Soprannome?

Marchetto.

Professione?

Studente primo anno università.

Tre aggettivi per descriverti?

Responsabile, caparbio e professsionale.

Il compagno di squadra con il quale sei più legato?

Flò (Andrea Florian).

Il giocatore delle “minors” che più ammiri?

Luca Bortolini.

I tuoi pregi?

Sincerità.

I tuoi difetti?

Essere Testardo.

Se vincessi dieci milioni di euro come li spenderesti?

Per crearmi il miglior futuro possibile.

Ultima vacanza che hai fatto: dove e con chi?

Jesolo, con amici.

Come ti vesti di solito?

Jeans e maglietta.

Il giorno più bello della tua vita?
Venerdì.

Il giorno più brutto della tua vita?

Lunedì.

Qual è il tuo scopo nella vita?

Diventare qualcuno, per le persone che ci tengono.

La prima cosa che fai al mattino?

Realizzo dove sono.

L’ultima cosa che fai di sera?

Metto in carica il cellulare.

Sei fidanzato? Se si chi è più gelosa lei o te? Se no, vuoi fare un appello lasciando il tuo numero?

No, non sono fidanzato, 3475611972…

Una persona che stimi?

Il mio vecchio allenatore Fuso (Alberto Fuser).

Sei superstizioso?

Si, sono superstizioso e anche molto!

Le tre cose che guardi in una donna?

Sedere, faccia, seno.

Una figuraccia che hai fatto?

Ce ne sono troppe.

Hai piercing?

No.

Hai tatuaggi?

No.

Sei religioso?

No.

Ultimo libro letto?

Non mi ricordo.

Fumi?

No.

Bevi?

Raramente.

Ultimo film visto?

Collateral Beauty.

Che animale vorresti essere?

Cane.

Dove vorresti vivere?

Firenze.

Film preferito?

Harry Potter e i doni della morte parte 2.

Drink preferito?

Mojito.

Piatto preferito?

Costata cotta al sangue.

Genere musicale?

Commerciale.

Canzone preferita?

Something just like this - the Chainsmokers e Coldplay.

Un piatto che ti disgusta?

Insalata russa.

Se potessi risolvere un grande problema che affligge l'umanità, quale sceglieresti?

Disuguaglianza sociale.

Per cosa ti batteresti fino al rischio della vita?
Giustizia.

Il tuo programma tv preferito?

Non guardo molta tv.

I tuoi interessi?

Basket.

Dove vai quando esci?

Da qualsiasi parte ma con amici.

Frase preferita?

"La speranza è l'ultima a morire”.

Hai qualche fobia?

Atelofobia ovvero paura di essere imperfetti e non esserlo abbastanza.

Convivenza o matrimonio?

Convivenza.

Qual è il tuo numero preferito?

Il mio numero preferito è l’8..

Cosa dà la felicità?

Una qualsiasi azione o cosa che speri che si avvera.

Cosa non faresti neanche per dieci milioni di euro?

Tradire un amico.

C’è vita dopo la morte?

Forse si forse no, bisognerebbe morire per saperlo.

Tifi per qualche squadra in particolare (qualsiasi sport)?

Tifo Los Angeles Lakers (NBA), Treviso Basket e Inter..

Sei felice?

Si.

Perché consiglieresti ad un bambino di cominciare a giocare a basket?

Perché da molte emozioni.

 

Grazie Marchetto, ci vediamo sui campi di gioco!